Scuola paritaria: come funziona?

Spread the love

Gli studenti che frequentano una scuola paritaria – previo pagamento di una retta annuale variabile da istituto a istituto- assolvono appieno all’obbligo di istruzione e ottengono un titolo con lo stesso valore legale di un istituto statale. Come detto, le scuole paritarie operano in assoluta autonomia sul piano didattico e formativo (pur dovendo seguire le linee guida dettate dal Ministro dell’Istruzione) e non sono tenute a rispettare l’obbligo della laicità (al contrario di quelle statali). Possono così essere dirette da enti o istituti a carattere religioso senza che questo vada a scalfire minimamente la validità legale del titolo di studio.

Per concludere, se si volesse fare una comparazione, si può affermare che una scuola paritaria (per quanto di proprietà non statale) è decisamente più assimilabile ad una pubblica rispetto ad una privata. Il sillogismo scuola paritaria uguale scuola privata è un falso mito- alimentato spesso da articoli improvvisati in rete- che da anni, nonostante gli sforzi di molti esponenti del mondo della scuola, continua ad imporsi nel dibattito pubblico generando confusione tra i genitori e non solo.

Un altro falso mito molto diffuso è relativo alle rette delle scuole paritarie che le renderebbero accessibili esclusivamente alle famiglie particolarmente facoltose escludendo, di fatto, i bambini provenienti da nuclei familiari poco abbienti. In realtà, i costi possono variare da istituto ad istituto e diverse scuole paritarie sono sostenute da fondazioni ed enti benefici che finanziano parte delle spesse necessarie al loro funzionamento, riducendo, dunque, le rette annuali d’iscrizione degli alunni.

Ci Vuole Un Fiore di Gallotta Silvia e C. Impresa Sociale S.A.S. – 80011 Acerra Via Giovanni XXIII, 8

Tel. 392.6685123info@civuoleunfiore.netFB:Ci vuole un fiore –  P. Iva 08031381216

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.